top of page

Marche dal finestrino

Updated: Apr 27, 2022




Marche arse dal sole di giugno Oleandro bianco che sordido strappi I miei pomeriggi impastati e sudati. Grano rovente d'ispido velluto Spruzzi di ginestre aspre nel verde stancato Cieli dipinti e piatti d'azzurro.


Chi siete e dove portate? Riempirmi gli occhi di voi non mi basta. E la calda dolcezza di queste colline Sia nei gesti e nei miei accenti Di ciò che straniera un giorno dirò Più grande forse e lontana da qui.

4 views0 comments

Recent Posts

See All

Comments


bottom of page